Parto subito dicendo che non so come classificare questo “cartone”.
Avatar – La leggenda di Aang (in inglese: Avatar: The Last Airbender, letteralmente: L’ultimo dominatore dell’Aria) è un cartone animato statunitense ma dopo averlo guardato concorderete con me nel pensare che ha molto poco di occidentale. Per me è un Anime, punto.
Dopo questo splendido (xD) inizio parliamo seriamente di questo capolavoro.
Esso è costituito da tre stagioni, ognuna composta da una ventina di episodi di durata classica (24 minuti) per un totale di 61 episodi. Esiste anche una seconda serie, La leggenda di Korra, che vedrò in futuro e tratta degli eventi che avvengono settant’anni dopo la fine della prima serie.
In lingua italiana la serie è stata mandata in onda per la prima volta su Nickelodeon tra il 2005 e il 2010.

Trama:
La storia è ambientata in un mondo in cui la popolazione è suddivisa in quattro grandi nazioni: Fuoco, Terra, Acqua e Aria.
In ognuna di queste nazioni esistono i dominatori, cioè persone in grado di controllare un dato elemento. L’Avatar è l’unica persona in grado di controllare tutti e quattro gli elementi. E’ un personaggio considerato sacro e quando muore rinasce per ricominciare una nuova vita, in una delle quattro nazioni, in un ciclo che ha visto circa 1000 reincarnazioni.
Però, cento anni prima dell’inizio delle vicende narrate nel cartone, la nazione del Fuoco decide di attaccare, mettendo a dura prova l’equilibrio tra gli elementi e ponendo fine alla pace. Successivamente decidono di sterminare tutti i Nomadi dell’Aria, sapendo che il prossimo Avatar sarebbe nato tra loro.
Il primo episodio ci catapulta nella tribù dell’Acqua del Sud, dove due giovani fratelli, Sokka e Katara, trovano un ragazzo intrappolato dentro a un iceberg, insieme a un bisonte volante. Lui si chiama Aang e si dimostra subito un dominatore dell’aria molto capace, meravigliando i due fratelli in quanto i dominatori dell’aria si sono estinti da cento anni.
Presto scopriranno che è lui l’Avatar, fuggito insieme al suo bisonte (ormai estinti) subito dopo averlo scoperto per poi venire risucchiato in mare da una tempesta e nel tentativo di salvarsi ha congelato, inconsapevolmente, l’acqua, restando lì dentro per il secolo successivo, sfuggendo così al massacro compiuto verso la sua gente, dalla nazione del Fuoco.
Lui non conosce il dominio degli altri elementi e saranno Sokka e Katara ad accompagnarlo in giro per il mondo, alla ricerca di maestri che lo prepareranno allo scontro decisivo contro il Signore del Fuoco, Ozai.

Precisamente la serie si suddivide in tre stagioni chiamate:

  • Libro primo: Acqua
  • Libro secondo: Terra
  • Libro terzo: Fuoco

Stanno proprio a indicare l’ordine in cui Aang imparerà il dominio degli altri elementi.
Molto interessante è anche notare come i movimenti delle varie tribù, mentre esercitano il dominio e combattono, siano presi proprio da vere arti marziali cinesi, di stili diversi:

  • Il Tai Chi per il Dominio dell’acqua.
  • Lo stile Hung Gar per il Dominio della terra.
  • Lo stile Shaolin della Cina settentrionale per il Dominio del fuoco.
  • Lo stile Ba Gua Zhang per il Dominio dell’aria.
  • Lo stile Chu Gar della Mantide Religiosa del Sud, che utilizza un particolare movimento dei piedi, viene utilizzato da Toph Bei Fong per compensare la sua cecità, contraddistinguendola con uno stile di Dominio della terra unico.
  • Lo stile Shequan (o ‘pugilato del serpente’) viene invece utilizzato per le tecniche di combattimento della principessa Azula.

Un’altra nota interessante è che nella sigla d’apertura ogni elemento è accompagnato da due caratteri: un carattere in Cinese antico sulla sinistra, e uno in Cinese moderno sulla destra:

  • L’acqua (水) è associata con la benevolenza e l’adattabilità (Cinese: 善; Pinyin: shàn).
  • La terra (土) è associata con la forza (Cinese: 强; Pinyin: qiáng).
  • Il fuoco (火) è associato con l’intensità, la vita e la ferocia (Cinese: 烈; Pinyin: liè).
  • L’aria (气) è associata con la pace e l’armonia (Cinese: 和; Pinyin: hé).

Avatar – La leggenda di Aang, oltre a essere ricco di dettagli come questi, è caratterizzato da una storia travolgente con personaggi a dir poco molto interessanti e ben strutturati, che affrontano un crescita interiore.
Aang e i suoi amici risulteranno molto simpatici e divertenti ma dovranno affrontare dei fardelli troppo grandi per la loro giovane età. Soprattutto il protagonista, un giovane Avatar di soli 12 anni, deve riuscire a imparare e padroneggiare bene tutti i domini per poi sconfiggere il Signore del fuoco, nel minor tempo possibile, prima che il danno diventi irreparabile.

Mentre i primi episodi della prima serie risulteranno più introduttivi e forse meno interessanti dal punto di vista della trama, andando avanti l’azione si farà sempre più frenetica e incontreremo molti personaggi favolosi, oltre ad assistere al cambiamento e alla crescita interiore di altri.
Soprattutto del combattuto principe Zuko, figlio esiliato del Signore del fuoco.
Non posso dire altro perché le nostre recensioni sono semplicemente finalizzate a far conoscere i nostri pareri senza dilungarsi troppo e evitando spoiler.
Consiglio a tutti di vedere questa serie, perché vale davvero.

Ora vado a sorseggiare un po’ di tè con i nostri amici.
Ciao :D

[Shiki]

Annunci
commenti
  1. Lentozzo ha detto:

    Ho visto immagini di Avatar in giro per la rete come anche conoscevo il nome La leggenda di Korra senza sapere fosse collegato ad Avatar, ma non sapevo nulla di più a riguardo, non so se vedrò la serie a breve ma farsi un po di “cultura” non mi dispiace mai, più che altro non sapevo che fosse una serie valida, quindi… grazie!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...