Prima di tutto voglio scusarmi per il ritardo ma non sempre riusciamo a pubblicare un nuovo articolo ogni 6-7 giorni. Ma di certo voi ci aspetterete sempre con enorme ansia e comprensione… (?)
Oggi voglio fare una recensione particolare in quanto è un articolo che vuole mostrare come io ho iniziato a muovermi nel mondo degli MMORPG (Massive(ly) Multiplayer Online Role-Playing Game, ovvero gioco di ruolo in rete multigiocatore di massa) e fino a dove sono arrivata.

Ho iniziato a giocarci molto tardi. Avevo 18 anni O.O
Questo perché?
Io incominciai a usare il pc a 10 anni e il mio primo computer personale mi venne regalato a Natale, quando avevo 14 anni. La prima console per i videogiochi la ricevetti intorno ai 10-11 anni (un amatissimo e coccolatissimo Gameboy Advance) ma, strano ma vero, ho iniziato ad amare davvero il mondo videoludico intorno ai 17 anni, quando mi fu regalata la Play Station 2 e conobbi Kingdom Hearts *-*
Prima giocavo solo ai giochi di Harry Potter, Star Wars e altro, ma non avevo mai avuto tra le mani un gioco di ruolo. (I Pokémon, affidandomi all’anime che non mi piaceva per niente, li evitai come la peste. Solo ora ho acquistato il mio primo gioco dei Pokémon per Nintendo DS, cioè Pokémon Versione Diamante). Dopo è arrivato il vortice che mi ha risucchiato: oltre ai vari Kingdom Hearts ci sono stati i Final Fantasy, Elder Scrolls, Dark Souls e tanti, tanti altri.
Vi parlo di tutto questo perché?
Per farvi capire che la mia cultura di videogiochi non è poi così grande. Ne ho recuperati molti ma ho ancora molta strada da fare (considerando la mia mania di voler completare un gioco al 100%, sviscerandone ogni segreto e il poco tempo che ho a disposizione, in quanto ho altri centomila impegni e interessi).
Per caso conobbi il mio primo mmorpg. Fu grazie a un amico con cui chattavo ai tempi. Mi disse che giocava a questo gioco e io decisi di provarlo, essendo poi gratis.

Avevo appena compiuto 18 anni e nel frattempo cominciai a scaricarmi NosTale. Qui trovate il link del sito ufficiale del gioco, in italiano: CLICK!
Chi di voi legge, e già lo conosce, l’amerà o l’odierà.
Essendo la mia prima esperienza con un mmorpg mi trovai a mio agio visto che aveva delle meccaniche molto semplici. Il gioco di per sé è semplice e ha una grafica molto bambinesca, in stile anime pucciosi. A me piace questa grafica e quindi m’immersi nel gioco.
All’inizio sei un avventuriero e dopo aver raggiunto un certo livello, che ora non ricordo, puoi cambiare “lavoro” e scegliere se diventare un arciere, spadaccino o mago. Da lì in poi riprendi a far salire il livello del tuo personaggio e anche il livello del lavoro. Soprattutto il livello del lavoro sarà importante, perché ti permetterà di equipaggiare delle carte speciali che oltre a cambiare il tuo aspetto ti permetterà di acquisire delle abilità particolari.
Il gioco non è molto personalizzabile, né nell’aspetto né nelle abilità. Le skill (i tipi di attacco, le abilità, ecc) le sblocchi man mano che sali e devi anche pagare dei soldi per averle (soldi del gioco che ottieni uccidendo mostri e completando missioni). Adesso ricordo poco certe meccaniche visto che sono anni che l’ho abbandonato ma l’unica cosa più personalizzabile erano le statistiche delle carte, che dovevano essere a loro volta expate (cioè fatte salire di livello). Dopo potevi personalizzare il tuo aspetto tramite costumi e item speciali (di solito ottenibili tramite lo shop, cioè spendendo soldi veri), dovevi faticare un sacco per costruirti delle buone resistenze elementali, un equipaggiamento forte e uppare la carte (cioè aumentare la loro forza tramite l’acquisizione di ali speciali, usando vari item del gioco). Il problema fondamentale di questo gioco? E’ che è un gioco Pay to Win. Cioè, se vuoi vincere ed essere un pro nel game, devi spendere soldi veri per comprarti gli item giusti, avere un equipaggiamento forte, ecc. Certo, c’è che mi dirà che questi oggetti vengono anche venduti nel mercato del gioco ma i prezzi erano esagerati e, a meno che tu non buttavi tutta la tua anima dentro a quel gioco, senza spendere davvero degli euro, non arrivavi da nessuna parte. Per non parlare della noia che si provava nel dover portare su il livello dei personaggi. Ore e ore passate a uccidere mob (mostri) insignificanti. Il gioco diventava interessante solo ai livelli alti e questo lo considero un concetto davvero sbagliato. Va bene che il gioco diventa man mano più figo salendo di livello, ma non puoi mettere i giocatori a passare ore e ore ad ammazzare piselli. Con questo ho detto tutto.
Vi linko un video carino del gioco, sul PVP (cioè i combattimenti tra i giocatori): CLICK!
Ci passai circa due anni e poi capii che era ora di cambiare aria.

Scaricai Grand Fantasia, altro MMO stile Anime, un po’ meno stile puccioso (ma non tanto). Era da poco uscito in italiano. Link del sito ufficiale del gioco: CLICK!
A questo ci ho giocato fino a non molto tempo fa. Cosa ha di molto positivo questo gioco, rispetto al precedente? Una serie di cose: grande personalizzazione dell’aspetto del nostro personaggio, fin da subito. Una maggiore vastità di scelta delle classi, e altre cose. Ma ci arriviamo tra poco.
Mi piaceva ed era più divertente, fin dai primi livelli. Inizi sempre come un normale avventuriero e poi, raggiunto un certo livello, puoi cambiare il tuo lavoro, scegliendo tra: Incantatore, Accolito, Combattente e Cacciatore. Dopo di ché queste classi si ramificavano in altre classi, dovendo effettuare una seconda scelta. Per esempio l’Incantatore poteva poi diventare Negromante o Stregone, e così via. Questa cosa mi piacque molto. Così come amai la vastità del gioco, molto più grande di NosTale, le diverse tipologie di PVP e alcuni Dungeon (per chi non sa cosa siano: CLICK!). In questo caso non c’erano delle carte come su NoStale, ma lo stile di gioco era molto più legato al proprio equipaggiamento, in quanto le skill e le statistiche non erano personalizzabili. Come su NoStale dovevi salire e pagare per sbloccare le abilità, punto.
Cosa mi ha portato ad abbandonarlo? Lo stesso discorso di NoStale, cioè che è un gioco molto Pay To Win. E, come ho detto prima, anche qui se sul gioco ci butti sangue e anima riesci a raggiungere buoni livelli senza dover spendere una lira, ma io sinceramente preferivo dedicarmi ad altro.
Ecco a voi il link di un video del gioco su una tipologia di PVP: in questo caso venivi messo in una squadra e il tuo compito era conquistare i cristalli e tenerli tuoi fino alla fine del tempo e combattere l’altra squadra: CLICK!

Nel frattempo ne ho provati altri, tra cui: League of Legends (però questo è un MOBA: Multiplayer Online Battle Arena, e non mi piace molto) e al momento ho nel pc DOTA 2 ma ci ho giocato giusto un’ora. Prima o poi lo proverò seriamente, ma assomigliando a LOL, non mi prende più di tanto.
Ne ho provati diversi, di cui manco ricordo il nome, ma alla fine mi sono fermata su due giochi in particolare: Dragon Nest e Ragnarok Online (che in italiano non esistono).

Dragon Nest è un gioco molto dinamico e divertente, sempre in stile Anime. Qui, fin dall’inizio, scegli la tua classe di base, tra: Warrior, Archer, Cleric, Sorceress, Academic, Kali e Assassin (nel server Europeo: CLICK!, che trovate anche su Steam) e Lancea (nel server SEA: CLICK!). Dopo un totale di livelli scegli nuovamente tra due specializzazioni e poi, al livello 45, fai un ulteriore scelta di classe tra altre due specializzazioni. Io questa cosa l’adoro, visto che rende molto varia la modalità di gioco.
Non è possibile scegliere il sesso del personaggio, che è legato in base alla classe scelta e la personalizzazione dell’aspetto è limitata, all’inizio. Poi, tramite costumi e item, si potrà personalizzare di più.
Il gioco è dotato di un mirino e per attaccare non basta semplicemente agganciare con il mouse l’avversario e skillare, ma bisogna mirare, schivare, ecc, rendendo il gioco molto dinamico e frenetico.
E’ organizzato in Dungeon di tanti tipi, facili e difficili, e oltre tutto è possibile scegliere la difficoltà della sfida in un range che va dal Normal all’Abyss e per certi Dungeon particolari esiste anche la modalità Hell.
Il PVE è molto divertente (il combattimento contro i mob) e lo è anche il PVP, ma in questo caso non è un’attività obbligatoria.
La statistiche sono fisse e legate all’equipaggiamento ma è possibile personalizzare l’avanzata delle skill, scegliendo se apprenderle o meno e fino a che livello portarle, tenendo conto che i punti abilità per sbloccarle e farle salire sono limitati.
Questa varietà e il divertimento che ti regala fin da subito mi hanno catturato. L’unico dilemma per me è decidere se continuare a giocare nel server EU o il SEA. Al momento gioco a entrambi e devo valutare su quale dei due sia meglio continuare.
In entrambi i casi il gioco non è assolutamente un Pay To Win, finalmente.
E’ gratis e paghi solo per personalizzare il tuo aspetto e per piccoli vantaggi che però raggiungi anche giocando e basta, senza dover buttar via la tua anima in cambio. Io ed Enrico ci giochiamo con piacere e abbiamo anche caricato dei gameplay: CLICK!
E adesso arriviamo al gioco che più di tutti, per ora, mi ha appassionato, cioè: Ragnarok Online.

Ovviamente sto parlando del vecchio Ragnarok, nato nel 2002, gioco MMO stile anime. Ovviamente il mio feticismo per la grafica retrò è un po’ di parte, ma ci sono molte altre cose da dire. Prima di tutto vi dirò che gioco al server francese, diventato quello Europeo dopo la chiusura di quest’ultimo: CLICK! e lo trovate anche su Steam.
Rispetto agli altri cosa ha di diverso? Salta subito all’occhio la quasi assenza di Quest (missioni date dagli NPC, Personaggio non giocante) e la grande possibilità di personalizzare il proprio personaggio. Non sto però parlando dell’aspetto: anche qui il gioco è un po’ limitato. All’inizio si potrà solo scegliere l’acconciatura e il colore dei capelli. Sto parlando della totale libertà di organizzare la statistiche e le skill come più ci piace, oltre all’equipaggiamento.
Il gioco non ti prende per mano e chi non è abituato potrà trovarlo snervante e/o noioso. Non è facile e non ti dice cosa fare: hai totale libertà, a tuo rischio e pericolo.
La modalità iniziale è sempre la stessa: inizi come avventuriero e poi scegli una classe di base tra spadaccino, mago, accolito, mercante, arciere e ladro. Dopo di che sali di livello normale e di lavoro e cambi nuovamente classe, scegliendo tra due specializzazioni diverse. Poi si riprende a salire fino al livello 99/50 (rispettivamente livello normale e di lavoro) e poi scegli se passare alla classe successiva o rinascere. Se rinasci torni al livello uno, ma oltre a poter meglio costruire il tuo personaggio (la prima volta tutti sbagliano a mettere la statistiche, ecc) avrai nuove skill e sarai alla fine più potente. Una volta tornato al livello 99/50 potrai cambiare classe e salire fino a un livello massimo di 150/50.
Ho detto che all’inizio può essere snervante o noioso, allora perché lo considero il migliore? Questo perché per chi non sa dove guardare il gioco risulterà una cattiva esperienza. Ma se sai cosa fare allora affrontare i primi 70 livelli sarà un passeggiata, mentre ti divertirai nei vari paesaggi e dungeon. Fino al 99 sarà un pochino più faticoso ma sempre divertente, soprattutto se giochi in gruppo (perché sì, se vuoi essere un giocatore solitario la vita sarà molto più difficile) e dopo il 99 non lo so, visto che ci devo ancora arrivare ma già pregusto i PVP, le WoE (War of Emperium: CLICK!) e altri Dungeon forti. Non penso proprio che sia un Pay For Win e per ora mi trovo fin troppo bene. Il sistema di compravendita è interessante e se sei bravo puoi fare molti soldi, è un gioco molto tattico, con il massimo della libertà. E’ un esperienza che adoro. Ecco un piccolo video del gioco: CLICK!

Il papiro è quasi concluso.
La mia non vuole essere una recensione tecnica e dettagliata, certo che no.
Ho solo voluto raccontare la mia esperienza, tirando le somme su cosa mi è piaciuto e cosa no. Ho lasciato perdere dettagli, grafica, ecc, perché allora avrei dovuto dedicare un articolo a ogni singolo gioco.
Finisco qui, chiedendo a voi se giocate e/o avete giocato a questi giochi? Cosa ne pensate? Vi piacciono? Non vi piacciono? Perché?
Avete altri giochi da consigliare?
Se volete, possiamo liberalmente parlarne. ^-^

 

[Shiki]

 

PS: Voglio avvisarvi che abbiamo pubblicato il nostro nuovo AMV, che trovate qui: CLICK!. Se vi piace ricordate di lasciare un parere (anche se non vi piace, si accettano consigli e critiche), mettere “mi piace”, condividere e iscrivervi al canale Youtube.
Oltretutto ricordatevi di seguirci anche su FB, Twitter, ecc, se volete restare sempre aggiornati sulle nostre attività.
Trovate tutte le info in fondo al blog!

In fine, nella pagina “Chi siamo”, in alto a sinistra, troverete le nostre info per contattarci nei giochi di cui oggi ho parlato (gli ultimi due, a cui attualmente giochiamo ancora).

Annunci
commenti
  1. umanoalieno ha detto:

    Anche se in ritardo, hai comunque una buona storia videoludica :) Conosco tutti i giochi che hai citato (per esperienza personale o per sentito nominare). Ragnarok è sempre stato considerato il “must” del MMORPG (insieme ad Ultima Online [Che mai ho giocato ma ho sempre sentito nominare]).
    Accidenti a te, Shiki, mi hai fatto vnire voglia anche a me di fare un articolo sui miei MMORPG! T_T

  2. redbavon ha detto:

    Io mi professo da sempre monogamo del single player. Ciò potrebbe denunciare un forte scompenso a livello di capacità di intessere rapporti interpersonali, ma in realtà sono forse troppo vecchio (e pippa) per certe arene e zuffe. A parte qualche frag, qualche duello aereo e gara con i kart di Mario, l’unico multiplayer “puro” che mi ha convinto a spalancare il portafogli è Destiny. Mi ha entusiasmato all’inizio, ma non mi ha preso completamente perchè occorre investire una valanga di tempo che non ho e che preferisco dividere tra un “tripla A” alla GTA V e un indie alla Never Alone (appena terminato). Non toccherei la tastiera nemmeno da lontano con un bastone per un Pay for Win (metafora videoludica dell’equazione soldi=successo), ma il tuo post mi sta facendo salire la scimmia di qualcosa di giappo-retrò alla Ragnarok…Per fortuna mi sono appena arrivati, freschi da Hong Kong, EX Trooper e Gundam Infinite no so che cosa perchè è tutto in jappo…quindi resto fedele al single player.

    • Shiki ha detto:

      Io ho iniziato a giocare agli mmorpg per poter giocare insieme al mio ragazzo, visto che abitiamo lontani. Oltre ciò amo vedere evolvere il mio pg e confrontarmi con gli altri, restando però comunque molto asociale. Sappi, i miei rapporti con gli esseri umani risultano molto limitati xD Infatti amo il pve ma non disdegno il pvp. Ma posso dire che provo emozioni diverse rispetto ai giochi in singolo… e amo entrambe le esperienze. Ma non voglio assolutamente giocare ai pay to win. Infatti appena ho capito che aria tirava certi giochi li ho abbandonati. Ragnarok è fantastico, e con questo ho detto tutto xD
      Poi, dopo che ho trovato una bella gilda italiana tutto è diventato più divertente, grazie anche al supporto che ci hanno offerto. All’inizio, da soli, eravamo un po’ persi xD

  3. […] e prepotentemente nerd (like me), come non poteva non essere incuriosito da un post di nome “MMORPG”? Leggendo la sua vita video ludica, beh… mi sono tornati alla mente tanti ricordi, collegati […]

  4. Pakap ha detto:

    Nostale! Incredibile!
    Penso tu sia la prima persona che incontro da anni che ha giocato al mitico Nos!
    In questi giorni sono in preda alla nostalgia e, come ogni volta quando accade, sono tornato a gironzolare per il server con il mio fantastico pg lv.85 (mi vanto, eh?) ma purtroppo è sempre più terrificante loggare al suo interno, con tutte le idiozie che aggiungono di volta in volta…
    In ogni caso ora sono commosso.
    Tanto amore per gli MMORPG…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...